Tax credit locazioni: nuovi chiarimenti dal Fisco


Ulteriori chiarimenti sul credito d’imposta per canoni di locazione ad uso non abitativo ed affitto d’azienda (Agenzia delle Entrate – Risposta 19 aprile 2021, n. 263).

Nel caso di specie, la società istante, costituita nel 2019 e titolare di un contratto d’affitto, dichiara che, a causa dei provvedimenti governativi emanati a seguito dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, a partire dal 23 febbraio 2020 non ha potuto svolgere, tranne che per il periodo estivo, l’attività per la quale è stata costituita.
L’interpellante, premettendo di non aver versato il canone di locazione previsto per i mesi oggetto di agevolazione, rappresenta di voler procedere al pagamento nel 2021 dei canoni di locazione relativo ai mesi che rientrano nell’ambito di determinazione del credito d’imposta per canoni di locazione ad uso non abitativo ed affitto d’azienda, di cui agli artt. 28, D.L. n. 34/2020, e 8, D.L. n. 137/2020.
Alla luce di quanto sopra esposto e ferma restando la sussistenza degli ulteriori requisiti richiesti dalla norma, l’Agenzia chiarisce che, a seguito del versamento, operato nel 2021, della quota dei canoni relativi al 2020 non ceduta al locatario, l’istante maturerà il diritto alla fruizione del credito d’imposta in questione.